fbpx

Notizie Stampa

Matera celebra la Lupa con un grande evento tra i Sassi

Dopo il successo del 2019 , il 26 settembre, La Lupa” per la regia di Lorenzo Muscoso sarà rappresentata a Matera, nel luogo magico e surreale di San Pietro Caveoso,  location d’eccezione e rappresentativa di una città divenuta il centro dell’Europa. Una scenografia maestosa, scelta da   Stefano Bollari, Il Volo e da produzioni hollywodiane come The Passion e  Bond 25, e che per l’occasione diverrà la riproduzione della sicilia nel suo autentico folklore. Ardore, eros e sentimenti saranno raccontati nella loro espressione più assoluta proveniente direttamente dalle campagne siciliane. Un momento storico che richiama alla memoria la celebre trasposizione di Alberto Lattuada  nella città dei sassi, e che renderà omaggio non solo a Giovanni Verga ma anche a quella cultura isolana che tanto caratterizza il suo popolo. Sarà inoltre possibile assistere allo spettacolo anche al suggestivo Borgo di Irsina e Montalbano Jonico.

Nel cast : Germano Martorana, Giuseppina Vivera, Adriano Gurrieri, Greta D’Antonio, Alessandro Campo, Marzio Penna, Bellamorea

 

 

L’Europa rende omaggio al Festival Verghiano

L’Unione Europea rinnova il sigillo al Festival Verghiano, una conferma ricevuta direttamente dal Presidente Sassoli che premia la qualità di un progetto che negli anni è diventato il punto di riferimento sul territorio. Iniziative unite a una creatività sempre più originale che ha portato il verismo dalla Sicilia a Matera e in Puglia. Una soddisfazione che gratifica il grande impegno e di buon auspicio per la prossima edizione del Festival che si terrà a Donnafugata dal 21 al 23 agosto 2020 e da settembre vedrà Matera nuovamente al centro dell’opera verista con la rappresentazione storica de “La Lupa”

Dal Capo dei capi al Testimone con Pierfrancesco Favino, tra gli interpreti del Romanzo Verghiano

Tra gli interpreti del Romanzo Verghiano vi sono Jacopo Cavallaro nei panni di Gramigna, attore versatile che si muove tra  cinema e teatro,  protagonista della fiction di successo “Il Capo dei Capi” nella parte del giovane Biagio Schirò. Una carriera che ha l’ha visto tra l’altro recitare nell’ultra premiato  “Più buio di mezzanotte” di Sebastiano Riso e “la Divina Dulzedia” per la regia Grimaldi  nel film tv L’ultimo dei Corleonesi e  Squadra antimafia – Palermo oggi. Nel 2011 è in Come un delfino con Raoul Bova. Intensa l’interpretazione di Giovanni Vitrano in Catturandi – Nel nome del padre serie televisiva italiana, prodotta da Rodeo Drive in collaborazione con Rai Fiction.  Premiato per “Colapesce” da diversi anni porta in giro  per le città lo spettacolo sul grande Nino Martoglio. Nei panni di Nino in “Storia di una Capinera“, invece, troviamo Edoardo Strano, reduce dall’esperienza ne “Il Traditore”, la storia di Tommaso Buscetta premiato con 11 David Di Donatello e candidato all’Oscar. Una carriera iniziata con il teatro in Opere come L’Ora Piero Messina,  Veni ca. Dammi un bacio  Regia: Joele Anastasi eUccelli di Antonio Caruso.

Le Novelle Verghiane in uno storico spettacolo scenico

Oggi vogliamo svelarvi qualche dettaglio su Romanzo Verghiano, un particolare teatro itinerante che vi condurrà dentro il cuore dell’opera verista all’interno del Castello di Donnafugata. Uno spettacolo unico e storico che vedrà i giardini, del celebre luogo del Gattopardo, illuminarsi ricreando così una dimensione magica e sospesa, un respiro verso quel tempo che fù. Il percorso sarà introdotto da un Narratore e un musicante che introdurrà le varie scene, e  si inizierà con il frammento de “La Lupa”, dove  la Gna Pina (Pinuccia Vivera) cercherà di sedurre Nanni Lasca (Adriano Gurrieri) intenzionato più a contrarre matrimonio con figlia, seguirà la passione amorosa di Peppa (Greta D’Antonio) per il fuggitivo “Gramigna” (Jacopo Cavallaro), ferito a seguito di un’imboscata, e poi la rivendicazione degli averi a Dio quella di Mazzarò (Germano Martorana) da “la Roba” , il desiderio di libertà di Maria (Mariachiara Signorello) e l’amore impossibile per Nino (Edoardo Signorello), e poi il lancio della sfida d’onore di Alfio (Paolo Randello)a Turiddu (Massimo Laferla), si  prosegue, quindi, con l’alienazione di Jeli (Marzio Penna) assalito dalla gelosia e si concluderà con la drammatica riflessione di Mastro Don Gesualdo (Alessandro Sparacino) che comprende le difficoltà del suo amore. Lo spettacolo inizierà  alle 21.30 in punto, con un numero limitato di persone organizzate in base all’ordine di arrivo. L’ingresso sarà solo su prenotazione online con acquisto ticket su www.festivalverghiano.it

Il Cantastorie protagonista a Donnafugata il 21 agosto

Sono iniziate da pochi giorni le riprese del Film “Il Poeta di Campagna” diretto da Lorenzo Muscoso che racconta la storia del celebre Luciano Busacca, uno degli ultimi cantastorie siciliani. Una passione iniziata fin dall’adolescenza che lo accompagnato per tutta la vita. Nel suo ristorante, entusiasti dei suoi racconti e della musicalità delle sue storie e della semplicità di poesie che arrivano a toccare l’animo più duro. Patrimonio culturale isolano portatore di quell’ardore che caratterizza la terra siciliana nel bene e nel male. L’artista si esibirà il 21 agosto 2020 al Castello di Donnafugata all’interno del Festival Verghiano.

 

 

I Bellamorea protagonisti al Castello di Donnafugata

Il folclore siciliano raccontato attraverso i colori e le partiture dei BellaMorea, uno dei gruppi più interessanti del territorio, promotori della Sicilia nel mondo con concerti negli Stati Uniti, Giappone, Inghilterra, Germania, Malta, Australia. Occasione anche per rivivere i suoi isolani che si uniscono alla concezione teatrale in un progetto particolarmente innovativo in cui le tradizioni trovano la loro massima espressione. Nati a San Michele di Ganzaria si sono distinti Italia’s Got talent ottenendo successo tra il pubblico italiano, da quel momento non hanno mai smesso di credere nella loro forte vocazione : La Sicilia. Anima musicale del Festival Verghiano trasportano dentro quel sentimento che caratterizza il popolo siciliano rendendole pieno di una grande e affascinante pathos.

In attesa del trailer e del nuovo singolo per Sanremo, vi presentiamo uno dei loro brani più intensi

Da Cavalleria Rusticana a Mastro Don Gesualdo al Castello di Donnafugata

Ritorna il romanzo verghiano, originale opera che unisce le varie novelle in unico contesto narrativo scritta e diretta da Lorenzo Muscoso. Nata nel borgo Cunziria di Vizzini, lo spettacolo è un viaggio itinerante all’interno delle celebri novelle e in quelli che sono i protagonisti delle vicende : la  vendetta di onore di Alfio (Paolo Randello e Turiddu (Massimo Laferla)  della  Cavalleria Rusticana, alla passione della Gna Pina (Pinuccia Vivera)  per Nanni Lasca (Adriano Guerrieri) de La Lupa, l’amore impossibile di Maria (Mariachiara Signorello) e Nino (Edoardo Strano) di  Storia di una Capinera, il delirio di Mastro Don Gesualdo (Alessandro Sparacino), la gelosia di Jeli (Marzio Penna) la ribellione di Gramigna (Jacopo Cavallaro) e il desiderio di Mara (Greta D’Antonio). Un universo magico e surreale che si muoverà lungo il misterioso e magico scenario del Castello di Donnafugata che poterà lo spettatore a vivere  quello svelamento emotivo che travolgerà i vari personaggi in una dimensione soffusa che darà voce al dramma. Ingresso solo su prenotazione. Biglietti disponibili su www.festivalverghiano.it

Dopo il successo del 2019 e il grande riscontro avuto dagli eventi in aprile, siamo lieti di annunciarvi l’edizione del 2020 del VI° Festival Verghiano che si svolgerà sempre Ragusa nella cornice suggestiva del Castello di Donnafugata e in altri territori iblei. Una cornice magica e suggestiva che  porterà il verismo dentro l’affascinante barocco in una settimana ricca di eventi tra Teatro, Musica e Folklore. Tante già le richieste che stanno giungendo da ogni parte della Sicilia per assistere a questo originale e storica manifestazione. Vi ricordiamo che questo è l’unico evento ufficiale e che non siamo affiliati ad altre organizzazioni. Il programma sarà pubblicato a breve su festivalverghiano.it, nel frattempo vi invitiamo alla visione del servizio Rai realizzato l’anno scorso, un piccolo assaggio di quello che vedrete. 🙂

In Agosto le Verghiane a Ragusa

Gli italiani conquistati dal Duello Rusticano

Nell’anno del suo 140° anniversario, la Cavalleria Rusticana, è tornata a rivivere a Pasqua in una versione filmica distribuita online e che ha ottenuto 50.000 visualizzazioni in pochi giorni con tantissime richiesta dalle comunità italiane all’estero, tra le quali Australia, Sud America e Stati Uniti. Iniziativa documentata anche dal Nazionale brasiliano Il Folha di San Paolo e dalla Talem National Agency in Argentina. Si tratta della trasposizione filmica dello spettacolo diretto dal regista Lorenzo Muscoso e messo in scena a Vizzini nei luoghi originari narrati da Giovanni Verga. Il lavoro, prodotto dalla Dreamworld Pictures, è stato realizzato presso il Borgo Cunziria, restaurato dall’autore grazie anche al progetto “Marines Meet Verga” e si tratta, quindi, dell’unica versione ufficiale, a distanza di 30 anni da quella di Franco Zeffirelli, che girò nei medesi scenari, oggi, rivalutati grazia al del filmmaker che nel corso degli anni ha realizzato numerose attività creando un importante flusso turistico e interesse mediatico e coinvolto città come Catania, Ragusa e Matera.

Raggiunte 50.000 visualizzazioni, la Cavalleria raccontata dal mondo

La Cultura, a causa del coronavirus, sta attraversando un momento drammatico, ma ci sono anche importanti segnali destinati a rimanere nella storia. Nell’anno del suo 140° anniversario, la Cavalleria Rusticana, torna a rivivere a Pasqua in una versione filmica distribuita online e che ha già registrato oltre 50.000 visualizzazioni in pochi giorni con tantissime richiesta dalle comunità italiane all’estero, tra le quali Australia, Sud America e  Stati Uniti. Un successo documentato anche dal Nazionale brasiliano Il Folha di San Paolo e dalla Talem National Agency in Argentina. Si tratta della trasposizione filmica dello spettacolo diretto dal regista Lorenzo Muscoso e messo in scena a Vizzini nei luoghi originari narrati da Giovanni Verga. Il lavoro, prodotto dalla Dreamworld Pictures, è stato realizzato presso il Borgo Cunziria, restaurato dall’autore grazie anche al progetto “Marines Meet Verga” realizzato in collaborazione con il Sindaco Marco Sinatra e il Ministero della Difesa Americana e Base di Sigonella e che ha visto i Navy statunitensi impegnati nella bonifica del posto e messa in sicurezza delle area. Si tratta, quindi, dell’unica versione ufficiale, a distanza di 30 anni da quella di Franco Zeffirelli, che girò nei medesi scenari, oggi, rivalutati grazia al del filmmaker che nel corso degli anni ha realizzato numerose attività creando un importante flusso turistico e interesse mediatico e coinvolto città come Catania, Ragusa e Matera.  Nelle prossime settimane saranno disponibili anche altre novelle, tra le quali “La Lupa” e “Jeli il Pastore” che condurranno il pubblico dentro il suggestivo universo verista.
Omaggio al Neorealismo
Nel film sono presenti diversi attori del circondario, tra i quali Massimo Laferla e Paolo Randello, che hanno dato vita ai compari Alfio e Turiddu, Il Missionario Padre Enzo Mangano noto per il suo impegno nel sociale, e la cittadinanza vizzinese, che ha animato gli scenari, dal Borgo Cunziria alla chiesa del Calvario. Un omaggio, quindi, al neorealismo in un viaggio alla scoperta dell’intimità campestre e di quel svelamento emotivo che caratterizza i vari personaggi con panoramiche sugli altipiani di fico d’india al tramonto e nelle chiese in collina.
Tante le richieste dagli italiani all’estero
Tanti i messaggi arrivati dai connazionali all’estero felici per l’iniziativa,  persone che mantengono vivo il ricordo delle proprie origini e di quella terra famosa nel fascino esotico e tradizioni. Un interesse riscontrato anche dal pubblico giovanile che ha vissuto dei racconto dei nonni e che con curiosità e interesse vogliono riscoprire. Ricordi come quello di Giuseppe da Melbourne  che evoca il suo trascorso nel villaggio così come quello di Connie e Nelly dell’Argentina, vicine  con la mente e il cuore, Giovanni da New York che richiama i profumi dell’isola.
Il ricavato in beneficenza
Per Ospedali e case di cura, la proiezione del film sarà a titolo gratuito, un regalo a quei pazienti che a causa del lockdown sono costretti a rimanere da soli, mentre per tutti i film potrà essere ordinato su “cavalleriarusticana.org”. L’uscita online è fatta simbolicamente coincidere con la Pasqua narrata dal celebre novelliere. L’iniziativa, che  sta ottenendo un grande sostegno da molte personalità e anche dall’Editoria siciliana, tra cui la Sicilia e la Repubblica, che l’hanno promossa nelle rispettive pagine, si realizza grazie alla piattaforma  Quorra e il ricavato sarà devoluto in beneficenza a favore dei più bisognosi, Ospedali e Associazioni contro il coronavirus. 
E’ possibile visionare il trailer a questo link : youtu.be/pYMjF0L5dUw